• Andrea

La solita storia, il solito finale.


Puntualmente si ripete.

Solita storia. Solito finale. Cliente truffato.


Breve resoconto di una disavventura accorsa da un cliente che, DOPO, si è rivolto a noi.


19 Maggio 2020, fine del LockDown, post Covid19.

Drin, suona il citofono e Mario (nome di fantasia) risponde.


In strada una figura non ben definita si presenta con:

Buon giorno, sono Xxxxxx Xxxxxx il tecnico del gas, devo ispezionare il suo contatore del gas e farle qualche domanda.

Mario è già sulla porta, preoccupato di questa improvvisa visita, perché il suo contatore del gas, sostituto solo 3 mesi prima, si trova in casa. Mario vuole essere sicuro che non ci siano problemi.


Da li a 1 minuto il tecnico è dinnanzi a lui.

Non era il classico "operaio" vestito come dovrebbe essere un operaio. Nessuna divisa, niente scarpe antinfortunistiche, nessun attrezzo in mano.


Era vestito bene, non in giacca e cravatta, ma casual e molto curato. In mano sono una cartellina blu con un logo giallo.


Gentilmente Mario lo fa accomodare avendo percepito pericolo nelle parole sentite poco prima (devo controllare il contatore del gas).

I due si siedono in cucina dove è collocato il contatore.


Il "tecnico" chiede di visionare lo strumento e prontamente Mario lo indica, indirizzandolo sul balcone della cucina.

L'ospite si avvicina ed inizia a premere i pulsanti per far scorrere tutte le informazioni visualizzabili sui nuovi contatori elettronici:


  • Data e ora

  • Matricola

  • Volume base

  • Storico dei consumi

  • PDR (punto di riconsegna)

Arrivato a quella informazione, il "tecnico" afferra la cartellina blu con logo GIALLO, estraendone un Tablet.


Da quel momento inizia l'incubo. L'operatore/tecnico/impostore è entrato in possesso della "combinazione per aprire la cassaforte" (che deve ancora trovare, ma ha già il modo per aprirla).


Mario in questo momento si permette di chiedere:

"Mi scusi, qualcosa non va? Vedo che sta scrivendo, posso sapere cosa?"

Il "tecnico" lo rassicura dicendo:


"Nessun problema, prendo nota dei dati del contatore per certificare che sia tutto ok a seguito della mia visita. Stiamo facendo un censimento di tutti i contatori installati negli ultimi 6 mesi dalla ditta Xxxxxxxx Xxxxxx srl, a seguito di qualche lamentela.

Il suo contatore non ha nessun problema, ho già inserito la nota. Ora avrei bisogno di vedere la sua fattura del gas, basta la prima pagina, dove sono presenti i suoi dati, per concludere la sua scheda dell'intervento."


Mario ha 80 anni, la moglie 82, Mario non ha la forza di ribattere a quanto detto e prende la fattura del gas porgendola al "tecnico".


La bolletta del gas viene fotografata (in realtà è stata scansionata estrapolando tutti i dati sensibili) e prontamente lasciata sul tavolo.


A questo punto "LA TRUFFA" è quasi conclusa, cassaforte trovata, combinazione scovata, manca solo una cosa: non lasciare impronte sul luogo del misfatto.

Nessun foglio, nessun nome.


Il tecnico avvicina il Tablet a Mario:


"ora con un dito può firmare in questo spazio bianco, così conferma che io sono venuto a visitarla e ho controllato il contatore, assicurandomi che non ci siano problemi"

Mario, apponendo la tremula firma, ha cambiato il suo fornitore di gas.


Cosa è successo poi a Mario è facile intuirlo. Ha conosciuto noi, per mezzo del suo legale di fiducia e il problema è stato risolto.


  • ripristino fornitore precedente

  • segnalazione dell'accaduto ad ARERA

  • denuncia penale all'Agenzia e all'Agente

Mario ora è tranquillo, non deve pensare più a nulla, lo seguiremo noi senza entrare in casa sua. Ad majora

Andrea





7 visualizzazioni

i-Saving di Andrea Moschini |

Via Edoardo Weber 15 | 40138 | Bologna | BO

| p.iva 03530291206

© 2020 by i-Saving | Made with ❤ in Bologna